31. ago, 2017

pianifica le tasse

Iva e tasse 

Parole che mettono paura solo al pensiero!!

Ma in realta se pensiamo allo stato come un FORNITORE tale e quale colui che ci rifornisce il negozio, ti renderai conto che è il piu buono dei fornitori. 

ALT!! non sto dicendo che in questo paese siamo fortunati ad avere un regime fiscale del genere , anzi, siamo i tartassati d'europa e di questo me ne vergogno e mi incavolo quanto te.

L'unica cosa che abbiamo a nostro favore è che il fornitore "STATO ITALIA" in realta' puoi rateizzarlo, spostare gli acconti, dare acconti oppure pagare in ritardo con qualche piccola mora, insomma rimane sempre una spada di Damocle ma lo possiamo gestire in decine di modi diversi a nostro piacimento, rispetto ad un fornitore di merce tradizionale che al primo ritardo ti blocca la fornitura.

Allora, visto che siamo imprenditori e gli imprenditori sono tali perchè devono essere capaci di pianificare tutto e saper leggere un bilancio.....

PIANIFICHIAMO!

Metti in agenda tutte le scadenze sotto elencate e sono convinto che risponderai alle telefonate del tuo commercialista con maggiore tranquillità e consapevolezza.

Per offrirti una migliore pianificazione delle tue uscite, permettendoti così di affrontare tutte le spese con maggiore tranquillità, riassumiamo quì tutte le scadenze che riguardano Iva, tasse erariali e previdenziali previste nel corso dell'anno 2017

 Per un'attività commerciale che non superi il milione di fatturato annuo le prime scadenze annuali riguardano il versamento delle ritenute operate nel mese di dicembre 2016 da parte dei sostituti d'imposta. La scadenza per questo adempimento, prevista per il 16 gennaio, interessa solo coloro che hanno alle proprie dipendenze del personale, o che hanno subito nel mese precedente fatture da prestatori d'opera che prevedano la ritenuta d'acconto. Questa tipologia di versamento si protrae per tutto il 2017, con scadenza il 16 del mese successivo al quale si riferisce.

Entro il 16 febbraio occorre provvedere al versamento dei contributi INPS artigiani/commercianti attraverso il Modello F24.

 Un'importante novità riguarda invece la comunicazione della Dichiarazione IVA annuale relativa al 2016, che da quest'anno dovrà essere trasmessa entro il 28 febbraio e non più contestualmente al Modello Unico. Dal prossimo anno la scadenza verrà posticipata al 30 aprile.

 Ancora una scadenza che interessa i sostituti d'imposta, che entro il 7 marzo dovranno trasmettere all'Agenzia delle Entrate la certificazione unica ex Cud dei propri dipendenti. Per la consegna a questi ultimi invece c'è tempo fino al 31 marzo.

Entro il 16 marzo occorre provvedere al pagamento del saldo IVA annuale dovuto in base alla liquidazione 2016. Il pagamento può essere rinviato al 30 giugno con una maggiorazione dello 0,4% per ogni mese o frazione di mese di ritardo. C'è tempo fino al 20 aprile per i contribuenti IVA trimestrali per trasmettere all'Agenzia delle Entrate lo spesometro annuale relativo all'anno 2016. I contribuenti mensili dovranno invece comunicarlo entro il 10 aprile. A maggio sono previsti due importanti adempimenti. Il primo riguarda il versamento dei contributi INPS artigiani/commercianti, da eseguire entro il 16 del mese, mentre l'altro prevede l'invio della comunicazione della liquidazione IVA riferita al primo trimestre 2017, che dovrà essere effettuato entro fine mese.

 Giugno si caratterizza per le scadenze legate ed Irpef, Ires ed Irap derivanti dalla dichiarazione dei redditi Modello Unico, da effettuare entro fine mese. Inoltre i proprietari di immobili dovranno corrispondere entro il 16 maggio la prima rata di IMU e TASI.

 Entro la fine di luglio occorre provvedere alla comunicazione delle due liquidazioni IVA trimestrali, riguardanti il secondo ed il terzo trimestre 2017.

Agosto vede tra le scadenze solo il versamento dei contributi INPS artigiani/commercianti, da effettuare entro il 22 del mese.

La scadenza prevista per la trasmissione del Modello Unico per via telematica quest'anno è prevista per il 2 ottobre, poiché la scadenza originaria (30 settembre) viene di sabato.

 Novembre è un mese particolarmente ricco di scadenze. Al pagamento dei contributi INPS artigiani/commercianti da effettuare entro il 16 del mese va ad aggiungersi l'acconto Irpef, Ires ed Irap da pagare entro il 30 novembre. Entro la stessa data sono da corrispondere anche eventuali acconti INPS nel caso in cui il reddito dichiarato ecceda il minimale.

Dicembre prevede due importanti scadenze: entro il 16 coloro che possiedono immobili sono chiamati a corrispondere il saldo 2017 di IMU e Tasi, mentre entro il 27 dicembre artigiani e commercianti sono tenuti a versare l'acconto IVA 2017 in base al saldo dell'anno precedente.

Tropeano Giuseppe